La mia foto
Milano - Porta Venezia ma anche il resto del mondo, Italy
Cerco di parlare un po' d'Architettura, d'Urbanistica, Arte, Lifestyle, Musica e altro anche se non ne ho le qualità

lunedì 26 maggio 2008

Eurofestival 2008




Anche quest'anno non si è potuto fare a meno della baracconata che è l'Eurofestival. L'italia da anni non lo trasmette e non partecipa, da noi pochi lo seguirebbero, capisco anche perché.
Noi lo seguiamo in gruppo, altrimenti il divertimento non c'è. La musica devo ammettere che rasenta il trash, pochi brani decenti, ma il programma è quasi sempre ben confezionato, la scenografia era da urlo, molto spettacolare.
La canzone vincitrice è quella russa (il sistema di votazione è molto discutibile, visto che alla fine ci si vota tra cugini, i paesi balcanici si votano a vicenda, i paesi dell'est tra loro, gli scandinavi idem e così via...).

Believe cantata dal russo Dima Bilan


Ma la mia preferita è Ani Lorak dall'Ukraina con Shady Lady, più che altro per la presenza scenica... una vera valchiria.


metterei anche la gradevole Boaz Mauda israeliano con The Fire In Your Eyes


per finire l'altra "lady" Charlotte Perrelli dalla Svezia cantando Hero




I risultati dei vincitori

7 commenti:

(fabrizio) ha detto...

e grazie a Dio da noi sta ca...ata non c'è!!!! persino Alexia avrebbe problemi ad esibirsi li!

Skymino ha detto...

Ahahahahah.... ma hai visto che bel puttanone l'ukraina?

(fabrizio) ha detto...

beh, zoccolissima!!!!!però chiamami all'antica, ma io in un "contest musicale" bado alla musica, qui...boh...chi li ha mai sentiti, sti tizi? e poi, che robaccia suonano??????
certo è che al prossimo tedesco, o francese, o scandinavo che mi dice che da noi in tele sono tutte tette&culi, ne avrò di cose da rinfacciare!

...anche la svedese, insomma, un pensierino...

Anonimo ha detto...

Che dire: ma che roba guardi? LOL!


Comunque la valkiria ukraina vale la pena


Luke

Dariomino ha detto...

Un consiglio, per favore: evitiamo di giudicare uno spettacolo di enorme successo come l'Eurofestival, che coinvolge puntualmente più di 40 nazioni europee e un audience di cinquecento milioni di ascoltatori, con la spocchiosa e tanto mediocre aria di superiorità di noi italiani. Solo per il fatto che ci siamo chiamati fuori dall'evento una decina di anni fa, non vuol dire che siamo automaticamente titolati a parlarne male, soprattutto perché noi siamo i primi a trasmettere montagne di programmi di cui dovremmo solo vergognarci. Vorrei pensare che i lettori "internazionali" del blog di Skymino sono capaci di guardare un po' più in là del loro naso locale.

(fabrizio) ha detto...

beh dario...mi sembra un festival ultratrash, con donne scosciate e maschi truzzi, cosi di primo acchito. tutte cose che già pullulano - come hai giustamente detto tu - nella nostra TV, non vedo il motivo di importarne altri.
poi le canzoni non mi piacciono assolutamente, ma qui siamo nell'ambito dei gusti personali.

poi...vuoi mettere l'orgoglio di essere nel club degli esclusi? con Bielorussia, Montenegro, Bulgaria (se la cartina con le nazioni in grigio vuol dire "chi c'è e chi no")...

Dariomino ha detto...

In effetti, Fabrizio, quella cartina non è molto chiara di suo e grazie a te l'ho notato or ora. Hanno cioè messo in grigio sia le nazioni escluse nelle prime due serate di questo Eurosong2008, sia quelle che volutamente - come Italia Lussemburgo Austria e Slovacchia - non hanno partecipato per scelta.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...