La mia foto
Milano - Porta Venezia ma anche il resto del mondo, Italy
Cerco di parlare un po' d'Architettura, d'Urbanistica, Arte, Lifestyle, Musica e altro anche se non ne ho le qualità

lunedì 28 marzo 2011

Un GENIO

Ritratto Portaluppi in casa Atellani 1957
Casa Corbellini Wassermann in viale Lombardia 17 a Milano, 1934/1936

Parlo di Piero Portaluppi (Milano, 19 marzo 1888 – Milano, 6 luglio 1967), uno dei miei architetti preferiti e grande genio dell'architettura anni 1920/40.
Credo d'averlo sempre amato senza conoscerlo per nulla.
Ricordo quando entrai nella Statale per la prima volta e vidi il grande scalone a zigzag, caspita, pensavo, che effetto scenografico. Così come il grande arcone lungo Corso Venezia, l'Arengario, pensavo, che architetture straordinarie. Poi col tempo imparai che queste opere erano di Pietro Portaluppi.
Ieri sono andato a visitare lo studio di Portaluppi in via Morozzo della Rocca, ora sede della Fondazione,
e ne sono rimasto estasiato.
Avevo visto casa Necchi Campiglio in via Mozart, Casa Radici-Di Stefano in via Jan, che consiglio a tutti di visitare.
Ho anche visto i progetti mai realizzati, come il Grattacielo SKNE (scàppane, anche il nome è una genialata) progettato per New York o il MERAVIGLIOSO progetto per il palazzo STTS che doveva sorgere lungo corso Sempione a Milano, che sefosse stato realizzato ora avremmo a Milano una casa da vedere come a Barcellona.




Casa d'appartamenti Bassanini in via Foppa, 1930/1934

Casa Radici-Di Stefano in via Aldrovandi-via Jan a Milano, 1929/1931


Edificio Ras in via Torino a Milano, 1935/1938

Grattacielo SKNE

Palazzo della società Buonarroti Carpaccio Giotto in corso Venezia angolo via Salvini a Milano, 1926/1930

Palazzo Studio in via Morozzo della Rocca

Palazzo Studio (particolare dello Zoccolo) in via Morozzo della Rocca


I tre progetti per il palazzo STTS in corso Sempione

Ritratto Portaluppi in casa Atellani 1957
Villa Necchi Campiglio 

6 commenti:

Orval ha detto...

Un genio forse no, però un architetto di grande finezza - forse di più nei piccoli interventi.
Ignoravo che l’edificio di via Torino fosse suo, grazie per l’informazione! Purtroppo però quel grosso edificio non l’ho mai considerato positivamente, sopratutto perché ingombra, con la sua mole, la vista di San Sebastiano.

Skymino ha detto...

Pensa che lui ha sostituito una serie di vecchi edifici che avevano la stessa altezza, del corpo basso, è solo dopo la Guerra, anche a causa di un crollo in parte dovuto alle bombe che hanno aggiunto e modificato i corpi come li vediamo ora.

Miky ha detto...

Grazie, grazie, grazie per questo post! Mi piace molto questo architetto, ho visitato la Villa Necchi Campiglio qualche anno fa in occasione delle giornate FAI e, devo dirlo, è elegantissima e molto ricercata! Non sapevo di alcuni edifici sparsi per Milano, quello in via Torino lo osservavo nelle feste natalizie e mi chiedevo, infatti, di chi fosse perchè mi avevano colpito i balconi in rilievo sulla facciata...

endi ha detto...

Che idea il grattacielo SKNE!! esistono grattacieli con i "piedi" che siano stati costruiti?

Comunque, il mio professore di arte (sono stato studente poco tempo fa) era un po' fissato con il Portaluppi e si capisce perchè. L'architetto è sepolto al Monumentale abbastanza vicino a miei parenti, quindi spesso posso passare e salutarlo. E' un'emozione sincera.

Skymino ha detto...

Qualcuno sì, credo in cina ci sia una torre con le "gambe"

Sandman66 ha detto...

Interessantissimo architetto.
Ho abitato nella casa di via Foppa 4 per molti anni, forse uno dei suoi progetti meno eclettici.
A dire il vero l'ultimo piano quello con terrazzo è stato eliminato (qualcuno sa quando ?) ed aggiunto un altro piano, dove appunto abitavo coi miei (7° piano). L'androne poteva sembrare anonimo ma aveva qualcosa che mi piaceva molto quando ci entravo, un grande volume. L'ascensore e era veramente piccolo e le scale invece molto ampie. Di quelle scale ricordo assolutamente i marmi...che nostalgia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...