La mia foto
Milano - Porta Venezia ma anche il resto del mondo, Italy
Cerco di parlare un po' d'Architettura, d'Urbanistica, Arte, Lifestyle, Musica e altro anche se non ne ho le qualità

venerdì 24 maggio 2013

La Stazione di Calatrava, bella ma...

A Reggio Emilia, il 9 giugno verrà inaugurata la nuova stazione per l'alta velocità progettata da Santiago Calatrava. Il progetto e il disegno mi piacciono, le onde bianche hanno il loro effetto.
Mi chiedo: era necessaria una stazione posta a due passi da Bologna?
Non sono uno stratega ferroviario e nemmeno conosco bene i movimenti economici della zona, ma trovo quasi stupido costruire in una città delle dimensioni di Reggio (170.000 abitanti) una fermata dell'alta velocità, quando Bologna dista una sessantina di chilometri, Per giunta una fermata in più per scendere a Roma e oltre. Non sembra uno spreco di soldi?





3 commenti:

Anonimo ha detto...

Spero solo che siano soldi sprecati e non si facciano fermare lì i treni. Altrimenti il tempo guadagnato con la nuova (costosissima) stazione sotterranea di Bologna viene sprecato per questa fermata di campagna.

Arch. Luca scarpato ha detto...

Concordo sulla dubbia utilità ma avrei anche altri dubbi sul messaggio architettonico, se può interessare ho scritto un articolo sul mio blog in merito alla questione

Stefano DM ha detto...

Mi sono sempre posto anche io questa domanda.

Per mia curiosità, ho cercato un po' di informazioni a riguardo.

FS ha pensato bene di cercare di aumentare il bacino d'utenza per le linee AV.
Sembra infatti che la stazione sia nata per cercare di raccogliere passeggeri dalla bassa Lombardia [Prov. Cremona e Mantova] e le altre province emiliane [Prov. Parma, Piacenza e Modena].

Tant'è che si parla di un bacino d'utenza potenziale di 2 milioni di clienti in più.

Il fatto di aver scelto quella posizione è perché precedentemente era presente un posto di movimento ferroviario, quindi han pensato bene di creare la stazione su una base già pre-esistente, perlomeno per quanto riguarda il controllo del traffico ferroviario.

Il problema è che le infrastrutture urbane [la linea urbana 5 di Reggio e un'altra linea regionale che incrocia perpendicolarmente quella AV] e comunque i vari collegamenti con la stazione sono ancora in via di sviluppo..quindi praticamente per il momento rimane una stazione nel deserto..come probabilmente sarà anche quella di Napoli Afragola AV.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...